Vespe bocciate dalla Covisoc, ma l'iscrizione al campionato non è a rischio. Intanto ufficiale la cessione di Capodaglio

 di Pasquale De Riso  articolo letto 484 volte
© foto di Giuseppe Scialla
Vespe bocciate dalla Covisoc, ma l'iscrizione al campionato non è a rischio. Intanto ufficiale la cessione di Capodaglio

Era nell'aria la notizia di un'esclusione provvisoria della Juve Stabia dal prossimo campionato di Lega Pro, a causa di un ritardo nella presentazione di un documento che attesta la dilazione del debito con l'Erario. Tale documento, però, è già stato rilasciato e tramesso in Lega, ragion per cui non c'è motivo di preoccuparsi per i tifosi gialloblù. La società stabiese ha ora tempo fino al 14 luglio per rimettersi in regola, mentre in data 20 luglio si avranno i verdetti definitivi. In tutto la Covisoc ha bocciato dieci società: Arezzo, Fidelis Andria e Modena sono in una situazione simile a quella delle vespe, Akragas, Maceratese, Mantova e Messina prive di fidejussione e infine Como e Latina, che sicuramente non parteciperanno al prossimo campionato.

Nel frattempo si allunga la lista di cessioni da parte del club termale: in giornata è stato infatti ufficializzato il trasferimento di Paolo Capodaglio alla Feralpisalò. Termina dunque dopo una sola stagione l'avventura alle falde del Faito dell'esperto regista, le cui giocate hanno per larghi tratti del campionato deliziato la platea gialloblù. Atteso a ore, intanto, l'approdo di Filippo Berardi nella città delle acque per firmare il contratto che lo legherà al sodalizio stabiese.